dolori cervicali e shiatsu

Dolori cervicali e Shiatsu

I dolori cervicali sono uno dei problemi che sentiamo più spesso nella nostra società.

Ho la cervicale!

Quante volte lo si sente ripetere in giro ormai… Avanti di questo passo, senza cervicale ti sentirai out!

Ma in realtà non significa nulla.

Certo che hai la cervicale: sette vertebre cervicali, una sull’altra!

Quanto al dolore cervicale che provi invece, dipende. Molteplici possono esserne i motivi, pure concomitanti.

Comunque sia, da esperto del settore, lasciatemi togliere subito un sassolino dalla scarpa.

I dolori cervicali sono quelli che – più di altri – esprimono il disagio del nostro corpo al modo di vivere attuale: costante sedentarietà a fronte di attività sportiva eccessiva o scriteriata; troppo lavoro e ritmi frenetici; vano tentativo di controllare tutto/tutti; giudizio impietoso e corrosivo su se stessi o sugli altri.

Procediamo con ordine, però.

Dolori cervicali sintomi e cause

Fra le più frequenti:

1.Tensione alla muscolatura del collo, in genere dovuta a stress di vario genere (specie lavorativo) o cattive posture (stiamo troppo seduti, e male).

2. Disturbi a livello di un’anca, che si riflettono su spalle e collo. Disturbi ricorrenti a seguito di sport.

3. Piccole dislocazioni delle vertebre rispetto alla loro posizione naturale, soventi in caso di traumi.

4. Problemi alla bassa schiena e/o al bacino, che trovano un compenso proprio a livello del collo. Diffusissimi a causa delle cattive abitudini nello spostar pesi.

5. Indurimento delle meningi spinali, tipica in colpi di frusta, o in vissuti emotivi particolarmente pesanti.

6. Nessuna particolare alterazione strutturale. Qui la causa va ricercata altrove, nelle credenze, fissazioni e pensieri ricorrenti della persona. In tale contesto gioca un ruolo pesante l’abitudine a controllare la vita propria e altrui e giudicare in negativo individui, cose e situazioni.

Dolori cervicali rimedi

A seconda del caso specifico un Operatore Shiatsu agisce in maniera differente.

A volte basta stimolare con delle pressioni le zone giuste (i Meridiani) per ottenere dei risultati concreti.

Altre volte (ad esempio nei casi 2, 3 e 4) si ha prima bisogno di un’analisi posturale della persona che soffre di dolori cervicali, per poi poter intervenire con pressioni e stiramenti.

E quando si presenta il caso numero 6, la questione diventa profondamente delicata.In questo caso il dolore è dato dalla stratificazione dei vissuti della persona.

Dunque, una faccenda molto intima, sfuggente e per nulla incline a volersi modificare con facilità.

Più degli altri casi presenta un’intelligenza propria autonoma e forte, con cui l’Operatore deve trovare il modo di interfacciarsi il che lo rende un’importante chiave per il successo del trattamento.

Solo un’accurata valutazione energetica potrà indicare la strada da seguire e soltanto la Simbologia potrà offrire la chiave di lettura giusta circa la valutazione energetica stessa.

Non ci si potrà cioè accontentare di una strategia di base per individuare a che livello si situa il vero squilibrio.

Per questo motivo è sempre molto importante rivolgersi a Operatori qualificati che hanno alle spalle diversi anni di formazione per diventare Operatori Shiatsu e vari anni di esperienza sul campo.

Concludendo

Ciò che nello specifico contraddistingue lo Shiatsu rispetto ad altre metodiche è il lavoro pressorio (e di stiramento) lungo i Meridiani.

Poiché ciascun Meridiano impatta contemporaneamente specifiche funzioni, sia fisiche, sia emotive, sia mentali, stimolarlo significa parlare la stessa lingua del nostro organismo vivente, il quale, nel suo funzionamento, non isola affatto la Mente da una parte, il Cuore da un’altra e il Corpo da una terza ancora: ogni elemento dei tre condiziona (ed è condizionato) dagli altri due.

Tale è l’assunto olistico, tale l’evidenza dei fatti, tale dovrebbe essere qualsiasi intervento “terapeutico”.

La pressione profonda, ripetuta e ritmata, inoltre, porta il Cliente ad un ascolto di sé altrettanto calmo e profondo, coinvolgendo l’Inconscio.

L’autoguarigione, che le pressioni innescano, parte proprio dall’Inconscio, senza cui nessuna questione – vuoi fisica, vuoi emotiva, vuoi mentale – può dirsi davvero affrontata.

Queste due componenti rappresentano la vera forza dello Shiatsu, che sostiene ogni singola strategia di lavoro, permettendo di conseguire risultati concreti e duraturi.

Provare per credere!

RAFFAELE D’ANTONIO
Operatore Shiatsu per BodyMindNess
Gallarate (VA)

Se hai domande relative all’articolo che hai letto e vuoi ricevere maggiori informazioni, contattami:
raff.dantonio@gmail.com

Potrebbe interessarti anche:

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email

Scegli Finalmente di stare bene

Scegli Finalmente di stare bene

Iscriviti alla nostra lista esclusiva per ricevere consigli direttamente nella tua casella di posta

trattamenti

  • Massaggio Shiatsu
  • Massaggio Ayurvedico
  • Riflessologia Plantare
  • Massoterapia
  • Massofisioterapia
  • Massaggio Svedese
  • Trattamento Reiki
  • Massaggio Decontratturante
  • Massaggio linfodrenante
  • Massaggio antistress / rilassante
  • Massaggio californiano
  • Trattamento cranio sacrale