massaggio-ayurvedico

Massaggio Ayurvedico: cos’è e benefici

Massaggio Ayurvedico: come si fa e a cosa serve?

Il massaggio ayurvedico è un trattamento di manipolazione più o meno dolce che affonda le sue radici nell’antica medicina tradizionale indiana.
Ayurveda è parola comporta da ayur che significa “durata della vita” o “longevità” e veda, “conoscenza”.
Viene tradotta in Italiano come scienza della vita, ed è un sistema complesso di conoscenze e pratiche che hanno come obiettivo la conservazione della salute – intesa in senso olistico, cioè considerando l’uomo nella suo complesso di mente, corpo e spirito – e  quello di prolungare la durata e la qualità della vita dell’uomo.

Il nome originale del massaggio ayurvedico è Abhyanga. Letteralmente significa massaggio con olio. Olio caldo viene posto sulle mani dell’operatore che poi passerà a trattare le zone interessate.

Il massaggio ayurvedico può essere praticato a terra oppure su un lettino specifico, di legno, scavato di 30 cm e diviso in due parti, una per il corpo e l’altra per la testa.

Dopo un iniziale colloquio conoscitivo, dove l’operatore si accerta che l’utente non abbia disturbi cronici e non abbia subito interventi recenti, lo accompagna in una stanza dedicata, in un ambiente raccolto, calmo e illuminato in maniera tenue. La stanza può essere resa più accogliente e il clima più predisposto al trattamento mediante l’uso di incensi, musiche rilassanti e mantra della tradizione indiana.

Il massaggio ayurvedico viene eseguito prevalentemente con le mani. Se il trattamento è rivolto ad atleti, l’operatore può optare per un massaggio con i piedi. In ogni caso, il massaggio ayurvedico prevede una serie di pressioni dolci, non invasive, eseguite su punti precisi del corpo, chiamati marma. I marma sono punti anatomici di intersezione di muscoli, nervi e articolazioni.

Nel massaggio ayurvedico è previsto un contatto diretto tra operatore e utente. Si utilizzano oli vegetali di mandorla, sesamo o jojoba ai quali si aggiungono, all’occorrenza, oli essenziali. L’olio può essere spalmato e utilizzato per accarezzare la pelle sia con le mani sia usato da solo, per esempio facendolo scorrere sulla fronte per favorire un totale rilassamento e una piena sensazione di benessere.

Oltre agli oli, il massaggio può essere integrato dal trattamento con sacchetti di erbe, scaldati e posti in direzione dei chakra che si stanno trattando.

Gli scopi principali del massaggio ayurvedico, oltre  a quanto già detto, sono: idratare la pelle, lenire i dolori articolari, trattare efficacemente la cellulite.
Il massaggio è benefico non solo per il corpo ma anche per la mente. L’energia vitale ricomincia a fluire liberamente all’interno del corpo allontanando i malesseri posti in essere dallo stress e dell’ansia.

 

I Benefici del Massaggio Ayurvedico

I benefici del massaggio ayurvedico, in quanto trattamento olistico, riguardano corpo, mente e spirito.
Innanzitutto favorisce il rilassamento muscolare, allevia i dolori legati a stanchezza, riduce l’affaticamento.
Un riconquistato benessere fisico porta con sé un conseguente benessere mentale.

Il massaggio ayurvedico migliora la circolazione sanguigna e linfatica; tonifica i muscoli, favorisce il corretto riposizionamento della colonna vertebrale correggendo la postura e evitando, sul lungo periodo, dolori ossei e muscolari.
Influenza positivamente l’umore agendo sui livelli ormonali. Elimina le tossine, allenta la tensione e i disturbi nervosismo, insonnia e emicrania.

L’ideale è un trattamento che si rivolga all’intero corpo, ma è possibile comunque ottenere tutti questi benefici attraverso il trattamento specifico di una precisa parte del corpo alla volta. L’operatore può infatti concentrare i tocchi e le pressioni su testa, viso, collo, dorso, gambe o piedi, a seconda delle necessità del momento di chi si trova a ricevere il massaggio ayurvedico.

 

Controindicazioni Massaggio Ayurvedico

Il massaggio ayurvedico mira a ristabilire il benessere completo della nostra persona, nonostante ciò, ci sono casi in cui è sconsigliato ricorrervi.

Ad esempio, non è bene sottoporsi ad una seduta in caso di infiammazioni o dolori acuti.

Se si soffre di ipertensione o di problemi di cuore, flebiti o disturbi circolatori gravi sarebbe meglio evitare un massaggio ayurvedico. Oppure riceverne uno solo dopo aver consultato il proprio medico di fiducia.

Il massaggio ayurvedico non prevede pressioni eccessive e se vi rivolgerete a veri professionisti non avrete nulla da temere. È bene però evitare manipolazioni e trattamenti in caso di capillari fragili o, ovviamente, lesioni ossee.

È molto importante, durante il colloquio preliminare con l’operatore ayurveda, metterlo a conoscenza di eventuali allergie. Gli oli essenziali sono potenzialmente allergizzanti e irritanti. Se non sapete se soffrite di allergie, è opportuno prima verificare la propria condizione.

Sarebbe spiacevole trasformare un’esperienza di relax e benessere in una brutta avventura, vero?

Potrebbe interessarti anche:

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email

Scegli Finalmente di stare bene

Scegli Finalmente di stare bene

Iscriviti alla nostra lista esclusiva per ricevere consigli direttamente nella tua casella di posta

trattamenti

  • Massaggio Shiatsu
  • Massaggio Ayurvedico
  • Riflessologia Plantare
  • Massoterapia
  • Massofisioterapia
  • Massaggio Svedese
  • Trattamento Reiki
  • Massaggio Decontratturante
  • Massaggio linfodrenante
  • Massaggio antistress / rilassante
  • Massaggio californiano
  • Trattamento cranio sacrale